Home » Come diventare telecronista: percorso e stipendio

Come diventare telecronista: percorso e stipendio

Lavorare nel mondo dello sport non significa solo diventare un grande calciatore di Serie A, come abbiamo già visto insieme con la professione dell’arbitro. Oggi, perciò, vediamo un altro modo di entrare a far parte dell’universo sportivo: diventare telecronista. Tutto ciò che ti servirà per farlo è:

  • Laurea in Scienze della Comunicazione
  • Praticantato da giornalista
  • Corso di dizione

Ma cerchiamo di scoprire insieme tutto più nel dettaglio. Leggi questo articolo per sapere come diventare telecronista, i requisiti di cui avrai bisogno e anche lo stipendio a cui puoi puntare!

Potrebbe interessarti anche: come diventare fisioterapista (sportivo)

Chi è il telecronista e cosa fa

Il telecronista, detto anche commentatore sportivo, è l’esperto che commenta e informa i tifosi di tutto ciò che accade durante un evento sportivo, che sia una partita di calcio o un incontro di tennis. Se lavora in radio prende il nome di radiocronista

Il telecronista non dà -o meglio, non dovrebbe dare- la sua personale visione della partita a cui sta assistendo, ma deve essere un grande conoscitore delle regole, delle tattiche e della terminologia legate a quello sport, così da poter dare informazioni quanto più oggettive agli ascoltatori. 

Proprio come un giornalista deve solo riportare i fatti così come sono accaduti, e in effetti diventare telecronista è un po’ come diventare giornalista sportivo. 

Se poi riesci a farti un nome e strada in questo mondo competitivo ti ritroverai ad essere stimato da tutti e opinionista fisso nei più disparati programmi di sport. È questo il caso dell’iconico Bruno Pizzul, per esempio.

Come diventare telecronista

Come dicevamo prima, per poter diventare telecronista dovrai accettare l’idea di dover fare l’università. In realtà la laurea non è obbligatoria, ma data la competitività dell’ambiente del giornalismo sportivo in pratica lo è. 

Una laurea in Scienze della Comunicazione sarebbe l’ideale. Volendo esistono anche master in cronaca sportiva per diventare ancora più qualificato e ampliare le tue possibilità.

Dopodiché dovrai fare il praticantato da giornalista per almeno 18 mesi in una testata giornalistica. Come detto nell’articolo su come diventare giornalista (che se vuoi ti lascio qui), in questo passaggio gioca anche un po’ la fortuna. Ma se sei bravo in ciò che fai riuscirai di certo nel tuo obiettivo! Magari durante il praticantato scopri anche altri tipi di giornalismo che ti appassionano ancor di più, mai dire mai.

L’ultimo passaggio per diventare telecronista al cento per cento potrebbe essere quello di seguire un corso di dizione. Come un doppiatore infatti, lavorerai con la tua voce, che dovrà essere chiara per chiunque all’ascolto e dovrà essere anche capace di trasmettere le emozioni. Se poi desideri fare il radiocronista ancora di più! 

Potrebbe interessarti anche: come diventare lettore di audiolibri

Corso telecronista: requisiti

Una ulteriore possibilità è quella di seguire un corso per diventare telecronista: ne esistono diversi e offrono formazione specifica e completa, oltre all’opportunità di entrare direttamente nell’ambiente.

La scelta migliore in questo caso è il Corso di Alta Formazione in Telecronaca e Radiocronaca del calcio offerto da Élite Football Center. Questo corso, suddiviso in 6 moduli, ti insegnerà tutto ciò che ti serve per diventare telecronista: regole, dizione, legislazione e pratica nella telecronaca. Si tratta di 5 giorni di full immersion e vale in totale 5 CFU (crediti formativi universitari). 

Per poterti iscrivere al corso il requisito di cui devi essere in possesso dev’essere uno tra questi due:

  • Essere iscritto, laureando o laureato a Scienze della Comunicazione o Lettere 

oppure

  • Essere già un giornalista pubblicista o professionista 

MA! C’è un ma. Se non hai uno di questi requisiti ma credi fermamente di essere comunque adatto al corso, puoi inviare un video della durata di 5 minuti di una tua telecronaca. Se li convinci probabilmente ti ammetteranno lo stesso e potrai diventare telecronista anche senza laurea.

Questo corso come ciliegina sulla torta prevede un percorso di post formazione (facoltativo)  della durata di 2 anni con laboratori pratici di Cronaca e Telecronaca sportiva. Insomma, puoi iniziare da subito a fare esperienza e diventare il migliore!

Stipendio telecronista

Ma quanto guadagna un telecronista? Te lo sei mai chiesto? Probabilmente sì, e anche noi! Ma purtroppo non è così facile riuscire a scoprire lo stipendio di un telecronista, anche perché dipende da cose come:

  • Lo sport che commenti
  • La piattaforma su cui lavori (TV, radio, internet…)
  • L’esperienza che hai 

Ciò che ti posso dire è che la Rai rende noto soltanto lo stipendio dei telecronisti che superano i 200 000€ lordi l’anno, e l’unico che ci riesce è Auro Bulbarelli, giornalista sportivo e soprattutto direttore di Rai Sport. 

Se sei bravo in ciò che fai e lavori con passione, comunque sia, di certo sarai soddisfatto sia della tua vita che del tuo stipendio! 

E con questo abbiamo detto tutto! Spero di aver risolto ogni dubbio che avevi e che adesso potrai avere le idee un po’ più chiare per il tuo futuro. Vuoi ancora diventare telecronista o hai capito che non fa proprio per te? Non dimenticare di farmelo sapere nei commenti! 

Ti lascio qui un altro articolo in cui cerchiamo di rispondere alla domanda: cosa fare dopo la maturità? 

Al prossimo orientamento! 🙂 

Clicca qui per tornare all’indice 

I NOSTRI ULTIMI ARTICOLI PROPRIO QUI 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto